Release: 18.8.1 - Revision: f5a2191a4399ffb230c24e0ddcda36e98023ad9d - Build: 1001 - BuildId: 1001 - Env: prd-66 - Host: hybr-prd6

Il centro Italia ottimo particolarmente la Toscana

Dall’Emilia Romagna, per esempio, arriva più del doppio del vino prodotto in Toscana. La maggior parte delle uve rimane però in regione e viene utilizzata per fare del semplice ma buon vino da tavola o per produrre l’aceto balsamico di Modena. 

Proprio come l’Emilia Romagna, anche l’Umbria vanta una gran quantità di vini da tavola semplici ma molto gustosi a base di Sangiovese, che si sposano a meraviglia con le pietanze italiane. Unica eccezione sono i vini della zona intorno alla località di Montefalco, come ad esempio il Sagrantino di Montefalco.

Stella indiscussa dell’Italia centrale, però, è sempre la Toscana. Qui il vitigno più coltivato d’Italia, il Sangiovese, raggiunge la sua forma migliore. Nel Chianti, a Montepulciano e a Scansano rappresenta la componente principale degli assemblage, che tra le altre possono includere anche uve di Merlot, Cabernet Sauvignon e Syrah. Grazie a questi tagli si contengono i tannini e la notevole acidità tipica della specie, anticipando così la bevibilità dei vini. Il Sangiovese di razza pura si trova invece a Montalcino, dove si producono vini estremamente concentrati e complessi che devono maturare per oltre 4 anni in bottiglie e botti di quercia prima di poter approdare alla vendita. Questo grande lavoro ha il suo prezzo però e, infatti, il Brunello di Montalcino è tutt’altro che conveniente in confronto ad altri prodotti e figura addirittura tra i vini italiani più ricercati a livello internazionale. Di questa categoria fanno parte anche i cosiddetti Super-toscani che provengono principalmente dalla regione di Bolgheri. Il Sangiovese non è più il grande protagonista, ma al massimo semplice comprimario, proprio perché questi vini si ottengono da un assemblage di uve per lo più francesi come Cabernet Sauvignon, Merlot, Syrah e Petit Verdot. I Super-toscani più famosi sono considerati tra i vini più pregiati e costosi al mondo. E, per coloro che desiderano farsi un’idea del loro stile a prezzi moderati, tutte le case vinicole più rinomate come la Tenuta dell’Ornellaia, la Tenuta San Guido (che produce la Sassicaia), la Tenuta Guado al Tasso, ecc. realizzano linee di seconda e terza scelta che spesso offrono un eccellente rapporto qualità/prezzo.

Il nostro consiglio

Un Lambrusco rosso, secco o semi-dolce dell’Emilia Romagna insieme a un piatto di antipasti locali come salame e prosciutto crudo – un abbinamento veramente gustoso e invitante!