Release: 18.8.1 - Revision: f5a2191a4399ffb230c24e0ddcda36e98023ad9d - Build: 1001 - BuildId: 1001 - Env: prd-66 - Host: hybr-prd9

Una soluzione a ogni problema di pelle

Intervista al Dr Felix Bertram, dermatologo e fondatore della linea cosmetica viliv

 

Profusione di principi attivi superflui, combinazioni dubbie e nomi futuristici – Nessun prodotto sul mercato ha convinto il Dr Felix Bertram, che ha deciso quini di lanciare la sua linea di successo di cosmeceutici. Abbiamo posto all’esperto le nostre principali domande sul tema della pelle e abbiamo imparato molto in fatto di protezione solare, buone abitudini e prodotti anti-invecchiamento.


Dr Bertram, come posso individuare il mio tipo di pelle senza consultare un dermatologo?
«Non è semplice. Per tipo di pelle si intende una suddivisione delle pelli in base al grado di pigmentazione, che permette di determinare la crema solare adeguata, o meglio il fattore di protezione solare (SPF) adeguato. Per scoprire se la propria pelle è troppo secca, grassa o impura e quale trattamento le si addice meglio, spesso serve l’occhio del dermatologo. Una pelle molto secca è tuttavia relativamente facile da riconoscere: la superficie è squamosa e ruvida. La pelle è opaca e presenta segni di invecchiamento prematuro e rughe. A seconda delle persone, può provocare irritazioni e prurito. Allo stesso modo, è facile individuare una pelle molto grassa, poiché presenta una patina brillante e una struttura superficiale oleosa.

Risulta molto più difficile invece identificare le pelli miste, oppure quelle sensibili, quelle con zone problematiche o con problemi da trattare a livello medico. Non basta definire la categoria a cui appartiene la propria pelle, bisogna anche scegliere i prodotti più adatti! Si tratta quindi di una questione complicata e delicata che è meglio affidare a un esperto.»

La pelle nota la differenza tra crema da giorno e da notte?
«La differenza tra questi due prodotti riguarda essenzialmente il contenuto di grassi e oli. Una crema da giorno è più leggera e meno grassa, mentre una crema da notte è più ricca. Dal punto di vista dermatologico, il concetto di crema da giorno o da notte è superato. Ciò che conta è adattare i prodotti alla propria pelle: una pelle molto secca, ad esempio, necessita di un preparato ricco, eventualmente da applicare anche due volte al giorno. Diversamente, una pelle grassa necessita di una crema leggera e non oleosa. Spesso le basta un siero leggero e in casi particolari può persino fare a meno di un trattamento base.»

Per chi sono pensati i prodotti viliv? E cosa li rende così particolari?
«I prodotti del marchio viliv sono pensati per tutti i tipi di pelle. E dato che questi prodotti non contengono né parabeni, né oli minerali o coloranti, sono tollerati molto bene anche dalle pelli sensibili e soggette ad allergie. I prodotti di punta di viliv sono i sieri attivi, che grazie alla concentrazione più elevata possibile o ottimale di principi attivi sono in grado di trattare un problema cutaneo con la massima efficacia. Così, ogni pelle, ogni problema di pelle e ogni tipo di pelle possono essere trattati al meglio e in modo mirato.»

Dopo quando tempo sono visibili i risultati nell’aspetto della pelle?
«Questo dipende dal prodotto. Il siero contorno occhi viliv e, ad esempio, offre un risultato superbo e immediato grazie agli acidi ialuronici di grande qualità che contiene. È anche per questo che è un trattamento molto ricercato. Il siero viliv b offre anch’esso risultati visibili in soli pochi giorni. Usati correttamente, gli altri sieri promettono risultati nel giro di 4-6 settimane. Io stesso sono sorpreso di quello che siamo riusciti a realizzare nel corso degli ultimi anni e di quello che oggi sono capaci di fare dei buoni prodotti cosmetici.»

Anche in fatto di invecchiamento cutaneo, prevenire è meglio che curare. A partire da che età si dovrebbe iniziare a usare prodotti anti-invecchiamento?
«La principale misura per contrastare l’invecchiamento cutaneo è l’utilizzo di una crema solare con fattore di protezione tra 30 e 50+. Nessun altro fattore ambientale è in grado di accelerare il processo di invecchiamento tanto quanto il sole. Inoltre, non è mai troppo presto per proteggere la propria pelle dall’invecchiamento. La nicotina, l’alimentazione e lo stile di vita svolgono un ruolo importante quanto quello dei prodotti anti-invecchiamento.

Per rispondere concretamente alla domanda, consiglierei di iniziare a usare prodotti anti-invecchiamento a partire dai 30 anni. Dipende naturalmente da fattori individuali, genetici e ambientali, ma i primi segni di invecchiamento cutaneo appaiono intorno alla trentina.»

Perché i prodotti del marchio viliv non contengono protezione solare? E perché la protezione solare è così importante?
«L’applicazione di una protezione solare efficace, soprattutto sul viso, è di importanza capitale. Non solo per prevenire i danni causati dal sole e il cancro della pelle, ma anche per contrastare l’invecchiamento. Il fatto che i prodotti viliv non contengano protezione solare è una scelta deliberata. In qualità di dermatologo, considero che la protezione solare sia una questione da trattare a parte e non deve dare un’impressione sbagliata di sicurezza se è contenuta in una crema da giorno. Una protezione solare efficace deve avere un fattore di protezione solare (SPF) di almeno 30, meglio ancora 50+. Inoltre, deve essere applicata direttamente sulla pelle pulita, la mattina.

Il SPF delle creme da giorno disponibili in commercio è compreso tra 8 e 15; non basta quindi a offrire una protezione solare efficace.»


Oggi il rituale coreano, che comprende fino a 10 diverse fasi, è uno dei trattamenti di bellezza più di tendenza. Da un punto di vista dermatologico, quante di esse sono davvero necessarie e sensate? Quali sono must-have e quali nice-to-have?
«In qualità di dermatologo, considero il rituale coreano esagerato, nel senso che non risponde ai problemi cutanei individuali e presenta un rischio di infezione batterica in quanto la pelle è trattata e idratata in maniera eccessiva.

Le prime due fasi (rimozione del trucco da occhi e viso e pulizia), a seconda delle esigenze, sono del tutto logiche. La terza fase consiste in un peeling delicato. È un gesto sano in base al tipo di pelle e alla situazione, ma non deve diventare un’abitudine quotidiana. Le fasi da 4 a 7 ruotano attorno all’idratazione e all’applicazione di sostanze attive in senso ampio. Le fasi da 8 a 10 (contorno occhi, crema idratante e crema da notte) servono ancora una volta a nutrire la pelle. Il problema è che troppa idratazione nuoce all’equilibrio della barriera cutanea e genera rapidamente infezioni batteriche, come la dermatite periorale. Il mio consiglio è evitare le fasi da 4 a 10 del rituale coreano e sostituirle con le due seguenti: applicare un siero attivo e in seguito una crema idratante adatta al proprio tipo di pelle.»

Per finire una domanda personale: a quale prodotto viliv non potrebbe più rinunciare?
«Al viliv r (regenerate your skin). Questo prodotto è stato sviluppato per la pelle che è stata sottoposta a un trattamento laser e produce un effetto rigenerante eccezionale sulle pelli irritate in seguito a un intervento del genere o a un peeling. Senza dimenticare che viliv r è anche un ottimo dopobarba e un trattamento giorno ideale per le pelli sensibili e delicate. È il mio prodotto di bellezza multiuso.»

Shop now: