Release: 15.8.1 - Revision: dd8e7a4571a3fb11bcf49c2639f6d90bc38eaecf - Build: 804 - BuildId: 804 - Env: prd-66 - Host: hybr-prd4

Oltreoceano: la rivoluzione del Nuovo Mondo.

Ed eccovi atterrati nel Nuovo Mondo. Un mondo i cui viticoltori sono stati a lungo canzonati dalle tradizionali nazioni del vino d’Europa. Certo: l’Europa, e soprattutto la Francia, è la madre dei vini, dei processi di produzione e dei vitigni moderni. La svolta è avvenuta nella famosa degustazione cieca di Parigi, nel 1976, quando i giudizi migliori non sono andati come previsto ai vini francesi, bensì a due vini californiani. Come vedete, i vini del Nuovo Mondo meritano di essere assaggiati. 

California
Benvenuti nella sunny California. I fattori del successo dei nuovi vini sono diversi a seconda del Paese di origine, ma la California è considerata il precursore della produzione industriale dei vini di qualità. I produttori locali hanno imparato presto a sfruttare appieno le eccellenti condizioni naturali della loro regione utilizzando la giusta tecnologia. Grazie a diverse innovazioni tecnologiche sono riusciti a produrre buoni vini anche in grandi quantità. Il loro esempio è stato seguito da molti Paesi del Nuovo Mondo. Ormai lo sviluppo tecnologico oltreoceano è tanto avanzato che sono gli europei a copiare da questi Paesi, piuttosto che il contrario.

Cile
Il Cile spicca per i privilegi della natura. Il paradiso dei vigneti intorno a Santiago si avvantaggia dell’ottimo clima e di un terreno irrigato dalle acque del disgelo delle Ande. Le molte ore di sole e il fresco della corrente di Humboldt rendono il Cile particolarmente interessante per la viticoltura. Un motivo sufficiente per mettere piede in Cile, per molte cantine europee.

Sudafrica
Anche il Sudafrica trae vantaggio da un clima unico. Adagiato fra l’oceano Indiano e l’Atlantico, garantisce brezze rinfrescanti e sole costante non solo ai villeggianti ma anche ai vigneti. Il clima dona ai vini sudafricani il loro tipico fresco aroma. A livello internazionale sono noti soprattutto classici come chardonnay e sauvignon blanc. L’asso nella manica sudafricana è però il syrah, grazie alla sua altissima qualità.

È bene sapere: Manor Food dona una parte del ricavato dai vini sudafricani alla fondazione «Pebbles Project», che sostiene i bambini delle regioni vinicole del Sudafrica. Trovate ulteriori dettagli qui.