Release: 18.8.1 - Revision: f5a2191a4399ffb230c24e0ddcda36e98023ad9d - Build: 1001 - BuildId: 1001 - Env: prd-66 - Host: hybr-prd2

Vino svizzero: variegato quanto il Paese.

Benvenuti nella terra del vino svizzera, dove grazie ai numerosi terroir e all’ampia varietà di uve si trova una ricca scelta di vini. Da noi si coltivano oltre 50 vitigni su circa 15 000 ettari. Secondo i dati ufficiali, la produzione di vino in Svizzera raggiunge 1 milione di ettolitri. Ma i nostri vini raffinati ce li teniamo volentieri: solo l’1-2% della produzione è destinato all’esportazione.

Vallese
Con oltre 5000 ettari, il Vallese è la più grossa regione vitivinicola della Svizzera. Dei vigneti si occupano oltre 22 000 piccoli proprietari terrieri, nella maggior parte dei casi come attività secondaria. La zona in cui cresce il Fendant ha ideali condizioni climatiche limite. Le Alpi bernesi e vallesane proteggono la valle da masse d’aria umida. L’estate è calda e secca, mentre in autunno le escursioni termiche tra giorno e notte sono notevoli, il che conferisce alle uve un aroma deciso. Una punta di diamante della regione si trova nell’Alto Vallese. Il vigneto Riebe vicino a Visperterminen si trova a 1100 metri di altezza ed è il più elevato del continente europeo.

Sciaffusa
Nel Cantone Sciaffusa si coltiva soprattutto Pinot Noir e per questo motivo la regione è soprannominata anche «Blauburgunderland». Questa regione vitivinicola ha molto di cui essere orgogliosa. Non solo del suo panorama, ma anche delle statistiche: è infatti la seconda regione della Svizzera tedesca dopo il Canton Zurigo. E non fa meraviglia, se si tiene conto del clima: il Cantone Sciaffusa, con soli 900 millimetri circa di pioggia all’anno, è il meno piovoso di tutta la Svizzera tedesca. A questo si aggiunge il sole nelle principali fasi di crescita dei frutti e un terreno ricco di calcare e argilla. Insomma, condizioni perfette per coltivare la vite: e lo si sente al gusto.

Ticino
Nel solarium della Svizzera si pratica la vitivinicoltura già da oltre 2000 anni, ma solo nel 1906 ebbe inizio uno sviluppo davvero di rilievo. Fu allora, infatti, che vennero piantate per prova le prime viti della varietà Merlot. Una buona decisione: l’uva Merlot costituisce oggi circa l’80% della superficie coltivata a vigneto della Svizzera meridionale e, grazie a essa, i viticoltori ticinesi sono fra i migliori della Svizzera. Con esperienza e passione, producono rossi pieni e aromatici che si conservano bene. I rossi ticinesi possono tenere il passo anche a livello internazionale, come hanno dimostrato gli squisiti Ligornetto o Castello di Morcote. La qualità merita: ogni anno, i comuni vitivinicoli del Canton Ticino producono quasi 4 milioni di litri di vino.